Esegesi delle fonti del diritto

Programma a.a. 2019/2020

Prof. Maura Mordini

Propedeuticità

Storia del Diritto Medievale e Moderno.

Obiettivi

Il corso si propone di approfondire le conoscenze di alcuni temi, tra i più caratterizzanti, della storia giuridica europea che non possono essere trattati in modo adeguato nel corso generale di “Storia del diritto medievale e moderno”: lo studente è avviato all’analisi e alla comprensione delle fonti della letteratura giuridica medievale, attraverso un complesso di informazioni relative ai contenuti e agli strumenti logici adottati dai giuristi nell’elaborazione dei loro testi dottrinali. In tal modo si favorisce l’acquisizione degli strumenti critici e metodologici utili alla migliore comprensione del diritto positivo e un valido esercizio dell’argomentazione giuridica.

Contenuti

Il corso si divide in due parti. Nella prima parte, si approfondisce il metodo di insegnamento e di studio delle fonti del diritto comune romano-canonico attraverso l’esame dei generi letterari e degli strumenti ermeneutici che, tra XII e XIV secolo, consentirono la diffusione e la trasmissione delle dottrine elaborate dai giuristi. Nella seconda parte del corso, tenendo conto del ruolo rivestito - in questo fenomeno di affermazione del ius commune - dalle istituzioni attraverso le quali si svolgeva l’insegnamento superiore, si ripercorrono le tappe dell’affermazione dello Studium generale come istituto di diritto comune e si analizzano alcuni testi dottrinali dei giuristi dei secoli XII-XIV.

Metodo didattico

Lezioni frontali in aula, con l’ausilio della videoproiezione di slides; esercitazioni mediante analisi dei testi normativi e dottrinali; è consigliata la frequanza delle lezioni.

Testi consigliati

per la prima parte del corso:

- Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a cura di F.Liotta, Bologna, Monduzzi Editore, 1999, pp. 33-106;

-  E. Cortese, Tra glossa, commento e Umanesimo, in “Studi senesi”, 104 (1992), pp. 458-503;

per la seconda parte del corso:

- P. Nardi, Origini e costituzione dello Studium generale nel diritto comune dei secoli XII-XIV, (Università di Siena - Dipartimento di Giurisprudenza, Collana di Studi “Pietro Rossi” - Nuova serie, Volume XLII), Pisa, Pacini Editore, 2019.

Modalità di svolgimento dell’esame

La verifica si svolge mediante un esame orale condotto dal docente.

Objectives

The course aims to deepen the knowledge of some of the most characteristic themes of European legal history, that cannot be adequately treated in the general course of “History of medieval and modern law”: the student is trained to analyze and understand the sources of medieval legal literature, through the analysis of the logical tools used by jurists in their works. In this way, the course means to provide students with critical and methodological tools for a better understanding of positive law and a valid exercise of legal argumentation.

Contents

The course is divided into two parts. In the first part, the method of teaching and studying the sources of common Roman-canonical law is examined in depth through the examination of literary genres and hermeneutical instruments which, between the 12th and 14th centuries, allowed the spread and transmission of the doctrines developed by the jurists. In the second part of the course, taking into account the role played - in this phenomenon of affirmation of the ius commune - by the institutions through which the higher education took place, the stages of the affirmation of the Studium generale as a ius commune institute are repeated and some doctrinal texts of the jurists of the 12th to the 14th centuries will be deeply analyzed.

Teaching Method

classroom lectures; practice on the texts. Class attendance is recommended.

Suggested readings

for the first part of the course:

- Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a cura di F. Liotta, Bologna, Monduzzi Editore, 1999, pp. 33-106;

-  E. Cortese, Tra glossa, commento e Umanesimo, in “Studi senesi”, 104 (1992), pp. 458-503;

for the second part of the course:

- P. Nardi, Origini e costituzione dello Studium generale nel diritto comune dei secoli XII-XIV, (Università di Siena - Dipartimento di Giurisprudenza, Collana di Studi “Pietro Rossi” - Nuova serie, Volume XLII), Pisa, Pacini Editore, 2019.

Assessment methods:

The student take an oral exam conducted by the teacher.

Programma a.a. 2018/2019

Esercitazioni: 10 ore

Prof. Paolo Luigi Nardi

Propedeuticità

Storia del Diritto Medievale e Moderno.

Programma

Avviamento allo studio della letteratura giuridica medievale: glossatori e commentatori (fonti e bibliografia).

Analisi del pensiero dei giuristi medievali: esercitazioni sui testi.

Testi Consigliati

Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a cura di F. Liotta, Monduzzi Editore, Bologna, 1999, pp. 33-106;

E. Cortese, Tra glossa, commento e Umanesimo, in “Studi senesi”, vol. 104 (1992), pp. 458-503.

D. Maffei, La Donazione di Costantino nei giuristi medievali, Giuffrè, Milano, 1964, pp. 3-190.

 

Programma a.a 2017/2018

Prof. Paolo Luigi Nardi

 

Avviamento allo studio della letteratura giuridica medievale: glossatori e commentatori (fonti e bibliografia).

Analisi del pensiero dei giuristi medievali: esercitazioni sui testi.

Testi Consigliati

Studi di storia del diritto medioevale e moderno, a cura di F. Liotta, Monduzzi Editore, Bologna, 1999, pp. 33-106;

E. Cortese, Tra glossa, commento e Umanesimo, in “Studi senesi”, vol. 104 (1992), pp. 458-503.

D. Maffei, La Donazione di Costantino nei giuristi medievali, Giuffrè, Milano, 1964, pp. 3-190.