Dottorato di Ricerca in Scienze Giuridiche

DESCRIZIONE GENERALE

Il Dottorato di Ricerca in "Scienze Giuridiche" deriva dalla trasformazione e fusione dei dottorati in "Istituzioni e Diritto dell’Economia", "DIRITTO EUROPEO E TRANSNAZIONALE. DIRITTO DI LEGGI E DIRITTO GIURISPRUDENZIALE NEGLI ORDINAMENTI GIURIDICI" (Università di Siena) e “DOTTRINE GENERALI DEL DIRITTO" (Università di Foggia).

Obiettivo del nuovo dottorato è formare studiosi capaci di muoversi agevolmente nel nuovo diritto globale, preparare ricercatori di elevata qualificazione che corrispondano alle esigenze del mondo delle professioni e di enti pubblici o privati. L’obiettivo è in continuità con quello realizzato dai dottorati precedenti dottorati che da anni hanno formato dottori di ricerca collocati, oggi, in posizioni apicali nell’Università, in studi professionali ed enti pubblici e privati.

A tal fine, il dottorato  intende sviluppare un percorso conoscitivo multidisciplinare delle dinamiche evolutive dei sistemi giuridici occidentali, ed europei in particolare, nella transizione dai loro contesti di riferimento tradizionali a quelli che si vanno prospettando negli scenari della post-modernità globalizzata. L'obbiettivo di formare dei giuristi consapevoli di tali mutamenti e capaci di affrontarne le sfide in ambito sia teorico che pratico, viene perseguito attraverso due percorsi curricolari, metodologicamente più che tematicamente distinti: “Persone e mercato nell'esperienza giuridica”; “Storia, teoria e comparazione degli ordinamenti giuridici”. Il primo curriculum privilegia l'impostazione metodologica tipica del giurista positivo, declinandone le due dimensioni -individuale e collettiva- "trasversali" alla partizione pubblico-privato. Il secondo curriculum valorizza gli strumenti della comparazione, in senso diacronico e sincronico, stimolando la rivisitazione critica delle categorie e dei concetti consegnati dalla tradizione. Le attività formative comuni permetteranno ai dottorandi di confrontare i due diversi approcci, arricchendo le rispettive conoscenze ed esperienze.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti

Posto che il Dottorato si propone di formare studiosi capaci di muoversi agevolmente nel nuovo diritto globale e di preparare ricercatori di elevata qualificazione che corrispondano alle esigenze del mondo delle professioni legali, di quello dell'impresa e delle istituzioni, gli sbocchi professionali previsti saranno soprattutto nell'ambito di posizioni apicali -che richiedono elevate competenze in campo giuridico- nell'Università, in studi professionali e in enti pubblici e privati, a livello nazionale e internazionale.