Diritto industriale

Programma a.a. 2020/2021

Mutuato da Diritto industriale, corso di laurea in Servizi giuridici Curriculum Impresa, ambiente e sistemi agroalimentari

Prof. Emiliano Marchisio

Propedeuticità

Istituzioni di Diritto Privato.

Programma

Obiettivi del corso e risultati di apprendimento attesi

Il corso affronta il diritto industriale prendendo come riferimento primario il dato legislativo, studiato e commentato alla luce della elaborazione sviluppata dalla dottrina e dalla giurisprudenza. L’attività didattica mira a consentire allo studente lo sviluppo della capacità di comprendere la materia e le soluzioni normative che lo contraddistinguono identificandone problemi, interessi, conflitti e principi ispiratori. In particolare, è data particolare rilevanza al contatto con la pratica e con i profili applicativi della materia.

Il corso, in particolare, ha ad oggetto la disciplina di:

  1. segni distintivi, denominazioni di origine e di provenienza;
  2. brevetti, invenzioni, disegni, modelli e altre privative, design;
  3. concorrenza sleale;
  4. pubblicità;
  5. antitrust;
  6. diritto d’autore.

Le lezioni sono sviluppate con metodo dialogato e prevalentemente interattivo. L’iniziativa da parte degli studenti è incentivata. Occasionalmente le conversazioni potranno avere ad oggetto casi giudiziari o comunque problemi della pratica.

I risultati di apprendimento attesi sono i seguenti:

  • “Conoscenza e comprensione”: conoscenza delle funzioni, obiettivi e contenuti normativi essenziali degli istituti studiati e padronanza del lessico della materia oltre che delle principali tecniche interpretative della disciplina vigente.
  • “Capacità di applicare conoscenza e comprensione”: capacità di individuare gli elementi rilevanti di una vicenda di fatto al fine della sua qualificazione giuridica e della definizione, pur se in termini semplificati e compatibili con il livello di formazione di cui si tratta, della disciplina applicabile e del conseguente esito atteso di una lite in materia.
  • “Autonomia di giudizio”: anche a seguito del metodo adottato, capacità di rielaborare criticamente le nozioni apprese ed applicarle in termini funzionali, coerentemente con le nozioni apprese nel corso di studi e della propria cultura e sensibilità individuale.
  • “Abilità comunicative”: anche a seguito del metodo adottato, capacità di esporre in maniera sintetica, chiara e coerente le proprie conoscenze.
  • “Capacità di apprendimento”: il corso si propone di formare gli studenti al fine di “imparare ad imparare”. Pertanto, all’esito del corso, essi saranno in grado di integrare le conoscenze e competenze acquisite nel corso e sviluppare, conseguentemente, in modo autonomo le ulteriori conoscenze e competenze richieste nel mondo della ricerca e del lavoro.

Programma

Segni distintivi, denominazioni di origine e di provenienza; brevetti, invenzioni, disegni, modelli e altre privative, design; concorrenza sleale; pubblicità; antitrust; diritto d’autore.

Bibliografia

Oggetto della materia è il diritto industriale, costituito dalle regole contenute nel codice civile e nelle altre fonti normative rilevanti. Pertanto, la prima base di apprendimento è data dallo studio delle fonti vigenti che interessano i temi d’esame.

Il manuale sta al programma come una mappa al territorio. Al fine dello studio individuale, dell’orientamento e come ulteriore supporto per la sistematizzazione della materia, gli studenti potranno avvalersi di qualsiasi manuale, purché aggiornato e dedicato alla preparazione universitaria del diritto industriale. Si consiglia, comunque, il seguente:

P. Auteri, G. Floridia, V.M. Mangini, G. Olivieri, M. Ricolfi, R. Romano, P. Spada, Diritto Industriale, VI ed., Torino, Giappichelli, 2020

Potranno essere indicati, durante il corso, ulteriori materiali didattici, anche sulla base degli interessi degli studenti frequentanti.

Didattica

La didattica si svolge tramite lezioni, approfondimenti e discussioni di casi.

Alla didattica si affianca il ricevimento, che è da intendere quale momento di confronto individuale per tutte le questioni che non è possibile discutere in aula – rappresentando dubbi e incertezze una fondamentale occasione di confronto e crescita intellettuale per tutti gli studenti.

La frequenza è vivamente consigliata, ma non è obbligatoria.

Metodo e criteri di valutazione

L’esame è orale.

Di regola, durante la prova finale non è consentita la consultazione del codice civile o più in generale delle fonti normative, salvo che la particolarità della domanda, a giudizio del docente, non lo renda opportuno.

Verranno proposte, di regola, tre domande, idealmente su aree diverse del programma, aventi ad oggetto la verifica tanto della conoscenza delle norme oggetto di studio che delle competenze applicative acquisite.

Ciascuna domanda viene valutata prima autonomamente e poi insieme alle altre. Il voto tiene conto delle conoscenze, della capacità applicativa, della capacità espositiva, della correttezza argomentativa.

Ai fini del superamento dell’esame, i candidati dovranno dar prova di aver acquisito padronanza della materia e dei concetti e delle regole che la costituiscono; di essere in grado di esporre sistematicamente la materia, operando i collegamenti opportuni tra le diverse aree di disciplina; di saper applicare quanto studiato a casi pratici, anche ai fini dell’orientamento delle scelte sul mercato e della soluzione di liti giudiziali. Ai fini della valutazione concorrerà l’utilizzo del lessico e la capacità di giudizio critico.

Propedeuticità e avvertenze

Si richiede la conoscenza del diritto privato. È gradita ed utile la conoscenza del diritto processuale civile, commerciale e amministrativo.

Programma a.a. 2019/2020

 

Prof. Vittorio Santoro

Propedeuticità

Istituzioni di Diritto Privato.

Programma

Diritto antitrust: divieto di intese; di abusi di posizione dominante; controllo delle concentrazioni. Marchi individuali e collettivi, invenzioni e modelli, diritto d'autore.

Testi consigliati

Mangini, Toni, Manuale breve di Diritto industriale, Cedam, ult. ed.

 

Programma a.a. 2018/2019

Prof. Vittorio Santoro

Propedeuticità

Istituzioni di Diritto Privato.

 

Diritto antitrust: divieto di intese; di abusi di posizione dominante; controllo delle concentrazioni.  Marchi individuali e collettivi, invenzioni e modelli, diritto d'autore.

Testi consigliati:

Mangini, Toni, Manuale breve di Diritto industriale, Cedam, ult. ed.

 

Programma a.a 2017/2018

Prof. Vittorio Santoro

 

Diritto antitrust: divieto di intese; di abusi di posizione dominante; controllo delle concentrazioni.  Marchi individuali e collettivi, invenzioni e modelli,  diritto d'autore.

Testi consigliati:

Mangini, Toni, Manuale breve di Diritto industriale Cedam 2015.