Diritto costituzionale (A-L)

Programma

Prof.ssa Valeria Piergigli

 

Il corso prevede la trattazione degli argomenti istituzionali del diritto costituzionale e dell'ordinamento positivo italiano. L’analisi della nozione di ordinamento giuridico, dei caratteri dell'ordinamento internazionale e della Unione europea, degli elementi costitutivi dell'ordinamento statale, dei concetti di forma di Stato e di governo, costituiranno le necessarie premesse al successivo approfondimento delle tematiche concernenti: il sistema delle fonti normative; gli istituti di partecipazione politica; l'organizzazione costituzionale dello Stato italiano ed i collegamenti tra potere legislativo e potere esecutivo; gli organi di garanzia costituzionale (capo dello Stato e Corte costituzionale); i diritti di libertà della persona e delle formazioni sociali; l’ordine giudiziario; l'ordinamento regionale e delle autonomie locali.

Testi consigliati

A scelta dello studente, uno dei due manuali di seguito indicati:

1)   A. Pisaneschi, Diritto costituzionale, Giappichelli, Torino, ultima edizione;

2)   F. Modugno (a cura di), Diritto pubblico, Giappichelli, Torino, 2015.

Si raccomanda la consultazione di un testo aggiornato della Costituzione italiana.

Modalità di svolgimento dell’esame

Il Corso è annuale e suddiviso in due moduli. Al termine del primo modulo (corrispondente allo svolgimento dei 2/3 del programma), gli studenti (frequentanti e non) potranno sostenere una prova intermedia, in uno degli appelli di gennaio-febbraio, avente ad oggetto i seguenti argomenti: nozioni introduttive, fonti del diritto, organizzazione costituzionale e Corte costituzionale. A partire dagli appelli estivi e non oltre gli appelli di settembre, gli studenti che abbiano superato la prova intermedia dovranno completare l’esame sulle parti rimanenti del programma (diritti di libertà e garanzie; autonomie territoriali). L’esame si intende superato se si riporta almeno la sufficienza (18/30) in entrambe le prove. Il voto finale sarà dato dalla somma dei voti ottenuti nei due parziali diviso per due (arrotondando, in caso di decimale, per eccesso). L’esito positivo della prova intermedia rimane valido fino agli appelli di settembre compresi; oltre tale periodo, l’esame dovrà essere sostenuto sull’intero programma anche in caso di avvenuto superamento della prova intermedia.

Le parti dei manuali su cui preparare le due parti dell’esame sono di seguito indicate:

1)   A. Pisaneschi, Diritto costituzionale, Giappichelli, Torino, ultima edizione; per la prova intermedia:  Introduzione; Parte I; Parte II; Parte III (ad esclusione del Capitolo V); Parte IV (dal Capitolo VI alla fine). Per la prova finale: Parte III (Capitolo V); Parte IV (Capitoli I, II, III, IV, V).

2)   F. Modugno (a cura di), Diritto pubblico, Giappichelli, Torino, 2015 (per la prova intermedia: dal Capitolo I al Capitolo VIII compreso; Capitolo XII. Per la prova finale: Capitoli, IX, X, XI).

Resta ferma la possibilità per tutti gli studenti di portare l’intero programma – sostenendo un’unica prova d’esame – a partire dagli appelli estivi.

L’esame, nonché la prova intermedia, si svolgono in forma di colloquio orale.

Per coloro che devono preparare soltanto una integrazione dell’esame (fino a 4 CFU), il testo suggerito è il seguente:

V. Piergigli, Le regole della produzione normativa, Giappichelli, Torino, 2012.